Spesso Blue Smoke

Holiday Blues

Cosa significa “Holiday Blues”?

Con il termine Holiday Blues ci si riferisce a quella sensazione di tristezza e depressione collegata al periodo delle vacanze. I momenti di pausa, caratterizzati dalla sospensione di attività lavorative e impegni che solitamente occupano gran parte della giornata, creano l'aspettativa di dover essere felici a tutti i costi nonché sempre desiderosi di festeggiare insieme ad amici e parenti. 

Questa idea può diventare predominante e allo stesso tempo può soffocare il bisogno di vivere le festività in modo personale e soggettivo. Proprio in questi periodi aumenta dunque una sorta di malumore che, per quanto temporaneo e legato al momento, viene percepito in modo reale e come un vero e proprio disagio. E' importante però ricordare che essendo momentanea e non permanente, questa tristezza non è un sintomo significativo per poter emettere una diagnosi di depressione che comporta invece la presenza di una serie di fattori non riscontrabili in quella che gli americani definiscono Holiday Blues.

 

Come evitare l'Holiday Blues?

Alcuni consigli su come gestire al meglio il periodo delle festività vengono elencati in un breve articolo sull'Huffpost Healthy Living da Judith Beck, figlia di A.T. Beck, uno dei maggiori esponenti della psicologia cognitiva. 

Mantenere delle aspettative realistiche e rinunciare all'idea di dover partecipare ad ogni momento di festa.

Qualora partecipaste a delle feste, soprattutto quelle familiari, abbiate in mente di star bene piuttosto che di dovervi divertire a tutti i costi, giacché il rischio sarebbe di rimanervi delusi. Ricordate che l'idea che le festività debbano essere il momento migliore dell'anno è solo una trovata televisiva.

Mantenete le vostre abitudini, sia per quanto riguarda quelle alimentari che quelle relative al sonno. Se si esagera, il rischio è di sentirvi appesantiti e più stanchi del solito.

Stabilite un budget per i regali da fare, evitando l'aspettativa di dover fare il regalo perfetto. Vi sentirete meglio sapendo di non aver gravato sulle vostre finanze.

Cercate di non aspettarvi nemmeno il regalo perfetto. Potreste rimanere delusi.

Potreste considerare la possibilità di fare una donazione per festeggiare con i vostri amici e parenti, invece che fare il solito scambio di regali.

Se vi sentite giù, chiamate un amico con cui vi sentite liberi di parlare di tutto e programmate qualcosa da fare insieme.

Infine, aiutare coloro meno fortunati di voi potrebbe aiutare a sentirvi meglio.

 

C'è da preoccuparsi?

Come già accennato nel paragrafo precedente non c'è da preoccuparsi quando si parla di sensazioni momentanee in cui ci sentiamo tristi o malinconici. Il rischio è quello di cadere in posizioni opposte e contrastanti che rappresenterebbero ciascuna degli estremi.

 

Finché si tratta dunque di condizioni temporanee non occorre problematizzare, ma è comunque sempre importante capire i motivi che portano a vivere questi periodi in modo più o meno malinconico. Alla base di queste ragioni infatti possono celarsi fattori importanti che rischiano di compromettere la serenità e il benessere personale. Se queste sensazioni perdurano con la ripresa lavorativa, e per più tempo, allora occorre approfondire la situazione e cercare di conoscere quali dinamiche emotive hanno portato questo malessere. 

dott.ssa Stefania La Spada